Nen tènghe pagghje p’a cióccia möje

Nen tènghe pagghje p’a cióccia möje

Il Detto recita così: “nen tènghe pagghje p’a cióccia möje…..”

La frase si lascia in sospeso perché la seconda parte è sottintesa.
Ossia: non ho da far mangiare la mia bestia, figurati se posso pensare alla tua!

Con lo stesso significato si può ribaltare il Detto: Nen tjine pagghje p’a cióccia töje…
Cioè: non riesci a badare alle tue faccende, figurati se puoi preoccuparti delle mie!

Ovviamente è linguaggio figurato.

Non posso darti quello che chiedi perché l’oggetto, l’opera, la merce che mi chiedi non basta nemmeno per soddisfare le necessità della mia famiglia.

Ringrazio la lettrice Tonia Trimigno per il suo prezioso suggerimento.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

quattordici − 7 =