Nuandanöve e jüna cjinde

Nuandanöve e jüna cjinde

Novantanove e uno cento

Simile per concetto al proverbio in lingua: Abbiamo fatto trenta e facciamo trentuno.

Ossia, se si è fatto un lavoro fino a questo punto, con un altro piccolo sforzo lo si porta a termine.

Qualche impertinente, quando qlcu citava questo proverbio, prontamente gli faceva rima:
Pìgghje ‘u cazze e strìchete i djinde” = Prendi “qualcosa” e strofinati i denti.

Ma era solo questione di rima. C’era uno spirito goliardico in queste uscite. Si scovava una rima indipendentemente dal significato.

Per esempio, a scuola, quando il Maestro chiamava: Novellese! Qualcuno sotto sotto mormorava: mìtte ‘a méne mbacce ‘a grattachése! = Poni la mano sulla grattugia.
Non significa nulla. Ma prevale il gusto irresistibile per la rima, Novellese-grattachése.

Talvolta ci scappava una scazzottata.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

cinque − 4 =