Pe ‘na cöte de mónne nen véche porte-porte

Pe ‘na cöte de mónne nen véche porte-porte 

Manca poco per ridurmi ad elemosinare.

Nu mónne  significa «un mondo», cioè « moltissimo ». Una quota di ‘molto’ non può essere che «pochissimo».

Quindi il significato è: “per poco non sono costretto a elemosinare qualcosa da mangiare, perché sono diventato quasi un mendicante, un accattone, costretto ad andare bussando porta a porta”.

Una variante, semplificata, dice: Pe ‘na màzze nen ce jéme pòrte-pòrte = Siamo talmente indigenti che per una mazza (un bastone usato dagli accattoni per sostenersi) non andiamo porta a porta (per chiedere l’elemosina), altrimenti (ad avercela ‘sta mazza) ci saremmo già andati, trovandoci in una situazione di stenti.

Vi rammento che questa frase veniva ripetuta spesso da Lucio Dalla,  a dimostrazione della sua conoscenza del nostro dialetto, avendo frequentato Manfredonia da bimbo e da adolescente, e bazzicando principalmente tre marpioni locali: Vittorio Tricarico, Antonio Tomaiuolo (Sciurille), Giovanni Salvemini (Nino Jajò), che si esprimevano solo in vernacolo.

Grazie al lettore Enzo Renato per il suggerimento… della mazza.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

20 − 5 =