Quanne ‘u ciócce nen völe böve, evògghje a frešché

Quanne ‘u ciócce nen völe böve, evògghje a frešché

Quando l’asino non vuole bere, è inutile fischiare.

Figuratamente si cita questo Detto quando i consigli elargiti, gli incarichi assegnati  o gli ordini impartiti non ottengono l’esito cercato.

Origine del Proverbio, diffuso in tutto il mondo rurale del Sud Italia:

Il contadino che si serviva dell’asinello per i suoi lavori, durante le pause conduceva l’animale presso un abbeveratoio per consentirgli di rifocillarsi.

Per impartirgli i vari comandi, l’uomo  emetteva brevi  segnali vocali (àaah, ìiih, èrre-gghjàa) o anche dei fischi, brevi o lunghi che erano ben recepiti dalla bestiola.

Ma talvolta, davanti alla pila, nonostante i ripetuti e pecifici fischi invitatori, l’asino caparbiamente non si china a bere.

Nel Potentino il Detto conclude: riscë ca r’acqua è trobbla.= dice che l’acqua è trobida.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Comment *
Name *
Email *
Website

5 × tre =