Salviètte

Salviètte s.m. = Tovagliolo

Piccolo telo di forma quadrangolare, di cui è dotato ogni commensale per pulirsi o asciugarsi mani e bocca. Ora si usano molto quelli di carta usa e getta.

Deriva dal francese serviette, passato al tedesco e all’inglese (assieme a napkin) tale e quale; lo spagnolo dice servilleta.

Quelli che dicono ‘u tovagljöle non parlano il manfredoniano ma un ibrido.

Modo di dire: Salviètte, mìtte tàvele! = Tovagliolo, appronta il desco!

Si declama quando qlcu chiede l’impossibile, per dichiarare che non si è capaci di fare miracoli.

Trae origine da una favola raccontata delle nonne sulle meravigliose doti di un tovagliolo fatato, che appena qlcn pronunciava questo comando, si schiudeva colmo di ogni leccornia.

Filed under: STagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

15 − dodici =