Sciulì-sciulà

Sciulì-sciulà s.m. = Scivolo, gioco fanciullesco.

Dire “scivolo”, come quelli che si trovano nei parco-giochi è un po’ azzardato. Quello che intendo descrivere era semplicemente un costone roccioso posto in pendenza nelle cave di pietra attorno alla nostra città.

Ovviamente parlo dei miei tempi. Vi assicuro che non erano come quelli che conoscete. Non avevano sponde di sicurezza, né la scaletta per la risalita. Era semplicemente un pendio dal quale ci lanciavano seduti su una larga latta schiacciata, a guisa del bob da ghiaccio.

Se adesso sto qui a descriverlo, sto dando testimonianza dell’esistenza reale dell’Angelo custode!
La discesa – pensando adesso a mente serena – era pericolosissima perché si poteva precipitare nel burrone e/o sfracellarci sul fondo della corsa. Qualche temerario si poneva sulla latta addiirittura prono, con la testa rivolta verso il fondo della china.

Quella frequentata da me si trovava alle spalla dell’attuale Chiesa di San Camillo. Non c’era né l’Ospedale, né tantomeno la chiesa. Era fantasiosamente chiamato “il Parco” confinante con i fichidindia della futura Via Barletta.

Un’altra era collocata dietro l’attuale Ufficio dei Vigili Urbani e una terza in Via Cave, l’ultima traverso di Via Antiche mura.

Ma jì a ffé sciulì-sciulà? = Andiamo a fare lo scivolo?

Il sostantivo è un po’ onomatopeico, come zinghe-nzelànghe = altalena.

Filed under: STagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Comment *
Name *
Email *
Website

diciassette − nove =