Škattamurte

Škattamurte (šcattamurte) s.m. = Becchino, beccamorto, affossatore

Persona addetta a inumare (‘nfussé= posare nella fossa) i morti, o a riesumarli (sfussé= torgliere dalla fossa) per tumularli nei loculi (nìcchje).

Secondo me questo termine deriva dal fatto che non tutti conoscevano il latino. Al termine della consueta preghiera prima della sepoltura, il sacerdote diceva “requiescat in pacem”, ossia riposi in pace.

All’orecchio del popolino l’imperativo “requiescat” era inteso come duplice invito: “rèquie-e-škatte”. L prima parte, “requie” , veniva capita bene come un’esortazione: “riposa”, ma quel misterioso ”scat” poteva sembrare l’invito finale a deporre il morto sotto terra.

Chi faceva quest’operazione? Ovviamente lo “schiatta-morti….”

Filed under: STagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

undici + tredici =