U caföne ca vöne da före

A Caföne

Al cafone

‘U caföne ca vöne da före,
ce mànge checòzze, ce mànge che tröve.
Po’, ce möne söpe ‘u litte
jamme sturte e cüle japjìrte

Il cafone che torna dai campi si mangia zucche, si mangia qualunque cosa trova pronto. Poi si butta sopra al letto, con le sue gambe storte e culo “aperto”

Si canzona allegramente il contadino scorreggione.

C’è una seconda versione leggermente diversa:

‘U caföne ca vöne da före,
checòzze lasse, e checòzze tröve
Po’, ce möne söpe ‘u litte
jamme sturte e cüle japjìrte.

Filed under: Sfottò

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

diciassette − 14 =