Fé ‘u fèsse

Fé ‘u fesse loc.id. = Fare il finto tonto, commettere deliberatamente qualche sciocchezza.

Nen facènne ‘u fèsse = Non fare lo scemo, pensa a rigar dritto.

Jü nen so’ fèsse, ma fazze ‘u fesse pe fàrete fèsse a te = Non sono sciocco, ma mi comporto da minchione per raggirati a mio piacimento.

Di solito si recita mentalmente questo “precetto” vitale – della serie “come spravvivere col tuo capo Ufficio” –  come per dire a se stessi: calma!

Notate la differenza tra Fé u fèsse= comportarsi da sciocco e fé fesse = raggirare qlcu, gabbare, comportarsi da furbo.

La prima è una mediocre finta, la seconda è una geniale furbata.

Filed under: FTagged with:

1 Comment

  1. Lino Brunetti scrive:
    Fé ‘u fèsse pe nen jì alla guerre (fare il fesso per non andare in guerra).

    E’ anche quello che fa finta di non aver capito gli ordini o le comande dei superiori.
    Quando la naia (il servizio militare) era obbligatoria, c’erano un sacco di proscritti che fingevano malattie mentali, omosessualità, ecc., proprio per non assolvere agli obblighi di leva.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

5 × 3 =