Jì a cusì

Jì a cusì loc.id. = Fare apprendistato dal sarto.

Equivalente è anche la locuzione jì alla sarte, o jì au sàrte.

Imparare il mestiere di sarto presso il Maestro artigiano.

Si cominciava dall’età di 11 anni, dopo aver frequentato le scuole elementari (non esisteva l’obbligo di frequentare le scuole medie).

Per fregiarsi del titolo di “mastro” bisognava fare un lungo tirocinio. Spesso gli allievi, in età ormai adulta, aprivano una sartoria in proprio.

Ovviamente tutto questo mondo era volto anche al femminile. Le ragazze quando arrivava l’ora di metter su casa, già sapevano tutte usare l’ago e il filo per uso domestico o per confezionare gonne e altri indumenti per conto terzi.

Ormai l’artigianato è quasi cessato, le sartorie ancora in esercizio a Manfredonia sono rare.

Alcune figliole, dotate di senso estetico, si dedicavano al ricamo: jì a recamé.

C’erano delle ricamatrici molto rinomate a Manfredonia. Anche le suore dell’Orfanotrofio Stella Maris erano bravissime a insegnare alle giovinette quest’arte antica.

Filed under: JTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

18 + diciotto =