Nzegné ‘a Mèsse a l’acceprèvete

Nzegné ‘a Mèsse a l’acceprèvete

Fare il saputello, il sapientone.

È una Detto molto antico. Alla lettera significa: Insegnare (come celebrare) la Messa all’Arciprete.

Come per dire: tu, che sei novellino, vieni a farmi la lezione proprio a me, che ho una lunga esperienza in materia?

Insomma cade a proposito quando qualcuno sale metaforicamente in cattedra per dare indicazioni a dei consumati marpioni…

‘U sacce! A mmè me l’adda düce! = Lo so! Lo vieni a dire proprio a me, che sono uno scaltro furbacchione dalla smisurata esperienza di vita?

Scherzosamente, sforzandosi di esprimersi in un comico improbabile italiano, una volta un giovane liceale mi rispose: “A me me lo devi dirmelo?”

Il termine Acceprèvete = Arciprete, è un po’ arcaico e – non so se ancora usato in ambito ecclesiale – designava, nella gerarchia presbiteriale, il titolo onorifico del Parroco di una Chiesa importante, oppure il primo dei Canonici del “Capitolo” della Cattedrale, scelto dal Vescovo per anzianità, per esperienza o per le sue notevoli doti di spiritualità.

Ringrazio il lettore Michele Granatiero per il suo gradito suggerimento.

Filed under: Proverbi e Detti

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

dodici − undici =