Scutelé

Scutelé v.t. = scuotere, scrollare

Scutelé (dal latino excutere)  significa muovere e ripetutamente qualcosa agitando con violenza. 

‘U vjinde scutelöje l’àreve = Il vento scuote gli alberi.

Scuotere lo straccio che raccoglie le polvere. Anche battere con la mano, in assenza di spazzola, su un indumento che  impolverato per nettarlo grossolanamente.

Scuteljijete söpe ‘a spalle, ca sté ìa pòlve = Scuotiti sopra la spalla (della giacca) ché c’è polvere.

Esiste una locuzione molto colorita che adopera questo verbo: Te sì arretréte  p’i chegghjüne scuteléte! 
Ovviamente nessuno rientra in casa dopo aver “sbattuto” (dolorosissimamente) i suoi testicoli come si fa con la tovaglia o con un tappetino!
La frase, in maniera del tutto figurata, è un vero rimprovero che evidenzia il rientro in casa del marito con le mani completamente vuote. Sia perché, al suo rincasare a fine giornata, non aveva potuto guadagnare nessun salario, sia perché  gli era passato di mente di comprare qualcosa per il desinare, e sia perché totalmente sfiancato dalla dura fatica in mare o nei campi.

Ringrazio il lettore Amilcare Renato per avermi rammentato questa locuzione,  frequente in bocca alla sua pepata nonnetta!

Filed under: STagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Comment *
Name *
Email *
Website

6 − 3 =