Tenì ‘a chiéva gròsse

Tenì ‘a chiéva gròsse loc.id. = Avere la chiave grossa.

Ovviamente non per aprire materialmente i grossi portali…

Il significato reale del detto è: avere come protettore un importantissimo personaggio, che spiana tutte le strade, elimina le difficoltà, favorisce (magari anche interessatamente) la carriera di qlcn. In una parola chi ha la chiave grossa è un raccomandato di ferro.

In lingua si direbbe: “Avere i Santi in Paradiso”.

Il fenomeno della raccomandazione è decisamente deprecabile dal punto di vista morale. Se qualcuno deve progredire deve far valere i propri meriti e non la ‘chiave grossa’! La “chiave” favorisce uno, ma sicuramente lo fa a danno di un altro, che magari ha maggiori capacità: e questo non è accettabile in una società civile dove purtroppo prosperano i faccendieri di questo genere.

La raccomandazione detta anche “una spintarella” o più esplicitamente un “calcio in culo” che tutti sono disposti a ricevere, metaforicamente s’intende, per il proprio tornaconto.
Fertüne e cavece ngüle…

Filed under: TTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

diciannove + cinque =