Tenì ‘nu ghjòmmere ammjizze ‘u stòmeche

Tenì ‘nu ghjòmmere ammjizze ‘u stòmeche loc.id.= Avere un gomitolo in mezzo stomaco.

È una locuzione idiomatica locale, che non indica una difficoltà di digestione, o una pesantezza derivata dall’ernia iatale.

Il italiano la locuzione simile “avere un peso sullo stomaco” indica un rimorso di coscienza.

Invece in dialetto significa: essere obbligati a sopportare malefatte altrui; non poter dire apertamente quello che si pensa; fare buon viso a cattivo gioco; sopportare malvolentieri anche quello che non è sopportabile.

Ma prima o poi si sbotta, e ci si libera dal peso.

Quando cadde il Fascismo, una persona disse a mio padre: döpe vìnd’anne m’àgghje luéte ‘nu ghjòmmere da ‘stu stòmeche = Finalmente, dopo vent’anni, mi sono levato questo peso dal mio stomaco.

Se qlcu ha pensato a qls uomo politico attuale, paragonandolo a un gomitolo nello stomaco – solo per fare un esempio letterario, per carità – ci ha azzeccato!

Per la cronaca mio padre a quel tale rispose, lapidario: arrecrìjete!(*) = Gioisci! Che sia stato schietto, o sarcastico, o profetico non so dirlo.

(*)Sillabate per non sbagliare la pronuncia: ar-re-crì-je-te

Filed under: TTagged with:

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Comment *
Name *
Email *
Website

6 + 5 =