Uàgliò Peppüne ‘u lorge nen camüne

Uàgliò Peppüne, ‘u lorge nen camüne

A Peppino

‘Uagliò, ‘Uàgliò Peppüne
‘u lorge nen camüne
camüne a vindiquattr’öre
ce n’jéme föra före.

Truème na vicchjarèlle
cù lu cüle a pagnuttèlle.

‘A vècchje quanne jì vècchje
cè scorce la pellècchje.

Variante:

Il terzo verso si usava anche in questa versione:

camüne a quatte motöre

Gli ultimi due versi hanno questa variante:

‘U vüte a quante jì bèlle
ca ce gràtte la pellècchja?

Ehi, ragazzo, Peppino, l’orologio non cammina. Cammina a 24 ore, ce ne andiamo per la campagna. Troviamo una vecchierella con il culo a pagnottella. La vecchia, quando e vecchia si spella la pelle.

Variante: Lo vedi quanto è bella che si gratta la pelle?

Filed under: Sfottò

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

diciotto + diciassette =