Zùppe, e quànne camüne nen te canòsce:

Zùppe, e quànne camüne nen te canòsce:

Allo zoppo

Zùppe, e quànne camüne nen te canòsce:
tjine ‘na jamma lònghe e ‘n’ata còrte!
Vàtte fé ‘nu sólche, fatte fé ‘na casce,
va da Mast’Andònje, Mast’Andònje ‘u vàsce.
Zùppe tó, zùppe je
Ce accucchjéme tutte e düje,
ind’u tavüte, ind’u tavüte!

Zoppo, quando cammini non ti conosco
hai una gamba lunga e un’altra corta!
Va a scavarti un solco, va a farti una bara,
va da Mastro Antonio, quello basso di statura.
Zoppo sei tu e zoppo sono io
ci mettiamo insieme nella bara!

E’ un ritornello un po’ crudele indirizzato al malcapitato zoppo vedendolo deambulare.

Quando dice “zoppo tu”, sottolinea la realtà. Quando dice “zoppo io”, evidenzia una falsa claudicatio (qlcn dice claudicazzo). E la cosa è ancora più disdicevole.

Per i Manfredoniani di ultima generazione chiarisco che ‘u sólche = il “solco”, oltre a quello tracciato dall’aratro, è anche lo scavo, la fossa, che si fa nel cimitero per seppellire i morti.

La tiritera era cantata su un tema musicale ripetitivo

Filed under: Sfottò

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *
Name *
Email *
Website

8 − due =