Mese: Agosto 2018

Zìnghe-nzelànghe

Zìnghe-nzelànghe s.m. = altalena

Usato generalmente al plurale, anche nelle versioni zlinghe-zlanghe, e zinghe-zelanghe, indica il gioco dell’altalena.
Mma fé i zlinghe-zlanghe? = Giochiamo all’altalena?

È un termine onomatopeico come din-don, tic-tac, tuppe-tuppe (toc-toc), e il sinonimo ndrìnghete-ndrànghete

Si riferisce specificamente a due segmenti di corda legati ad un rudimentale sedile e al ramo di un albero o ad altro appiglio.

Si può anche intendere l’asse di legno incernierato al centro e basculante su un cavalletto. Alle due estremità dell’asse si mettono i bimbi a cavalcioni e si sollevano alternativamente, ora l’uno tra l’altro.

Mia nonna diceva anche tràndele  = tiranti, ma credo che il termine sia di origine Montanara. Potete chiedere agli anziani se è conosciuto anche nel nostro dialetto?

I montanari usano il termine tràndele, ma trovo il nostro zìnghe-nzelànghe  più simile al napoletano zìnghete-mànghete o al calabrese mbìzzica-mbòzzica.

Per favore non chiamate il gioco con il termine italianizzante altalöne.  Si dice Zìnghe-nzelànghe!

Questo sostantivo dà il titolo a una pregevole raccolta di “Poesie e Canzoni in vernacolo manfredoniano” del poeta locale Michele Racioppa, mio illustre omonimo scomparso nel 2015.

 

Filed under: ZTagged with:

Nen decènne njinde

Nen decènne njinde loc.id. = scusami, perdonami, non criticarmi,

Questa simpatica locuzione alla lettera significa “non dire niente”. Se si rivolgesse a più persone ovviamente si coniugherebbe al plurale. nen deciüte njinde = non dite niente.  Ma non significa “taci”, o “tacete”….

Si pronuncia quando si chiede sfacciatamente, quasi estorcendone il consenso, rivolgendosi all’interlocutore, per scusarsi del proprio atteggiamento, delle proprie azioni o delle proprie opinioni.

Meh, nen decènne njinde, ca mò me lu pìgghje n’atu scavetatjille = Ebbene, scusami, ma adesso me lo prendo un altro biscotto al finocchietto.

Giuà, nen decènne njinde, coddu lìbbre te lu porte a setteméne entrande = Giovanni, abbi pazienza, quel libro te lo porterò la settimana prossima.

Nen deciüte njinde ma pe mmè ‘u mègghje Presedènde jì stéte Pertini = Non biasimatemi, ma secondo me il miglior Presidente è stato Pertini.

Filed under: NTagged with:

Ndumacàrece

Ndumacàrece v.i. = intasarsi, ingorgarsi

Quando si trangugia per voracità un boccone troppo grosso, o anche un gran sorso di bevanda  si avverte una sgradevole sensazione di gonfiore in mezzo all’esofago causato dal bolo che non va giù, né tende a risalire.

Non so se esiste un corrispondente in lingua. Noi diciamo che il soggetto c’jì ndumachéte = si è intasato.

Una sensazione spiacevole che si cerca di sbloccare al più presto, magari bevendo acqua fresca. Qualcuno si dà addirittura dei pugni in petto….

Filed under: NTagged with:

Smundéte

Smundéte agg. = scolorito, stinto

Che ha perduto il colore, o l’intensità, la vivacità del colore.
Sbiadito, riferito specificamente a tessuti o maglierie.

Succedeva con indumenti lavati con saponi aggressivi o anche per scarsa qualità dei coloranti, che dissolvevano una parte di colore nell’acqua di lavaggio, “contaminando” altra biancheria in ammollo nella stessa bagnarola.

Filed under: STagged with:

VERBO SERVILE POTERE

VERBO SERVILE POTERE
È un verbo difettivo, ossia che manca di molti MODI e TEMPI.

MODO INDICATIVO

Tempo Presente 

Jü pòzze = io posso
Tó pute = tu puoi
Jìsse pöte = egli può
Nüje putüme = noi possiamo
Vüje putüte = voi potete
Löre pòtene = essi possono

Tempo Passato prossimo

Jü agghje putüte = io ho potuto
Tó à putüte = tu hai potuto
Jìsse ò putüte = egli ha potuto
Nüje amme putüte = noi abbiamo potuto
Vüje avüte putüte = voi avete potuto
Löre ànne putüte = essi hanno potuto

Tempo Imperfetto

Jü putöve  = io potevo
Tó putjive = tu potevi
Jìsse putöve = egli poteva
Nüje putèveme = noi potevamo
Vüje putèvete = voi potevate
Löre putèvene = essi potevano

Tempo Trapassato prossimo

Jü avöve putüte = io avevo potuto
Tó avjive putüte = tu avevi potuto
Jìsse avöve
putüte = egli aveva potuto
Nüje avèveme
putüte = noi avevamo potuto
Vüje avèvete putüte = voi avevate potuto
Löre avèvene
putüte = essi avevano potuto

Tempo Passato remoto (io potei…)
manca

Tempo Trapassato remoto (io ebbi potuto…)
manca

Tempo Futuro semplice.

Per formare il Tempo futuro si ricorre all’antica locuzione verbale «avere da» col significato del verbo servile “dovere” anteposto al Tempo infinito. Per es. io potrò = jü agghja putì  come dire  io devo potere.

Jü agghja putì  = io potrò (io devo potere)
Tó adda putì
  = tu potrai (tu devi potere)
Jìsse uà putì
  = egli potvrà (egli deve potere)
Nüje amma putì
  = noi potremo (noi dobbiamo potere)
Vüje avüte putì
  = voi potrete (voi dovete potere)
Löre ànna putì  = essi potrranno (essi devono potere)

Futuro anteriore
manca

MODO CONGIUNTIVO
manca

MODO CONDIZIONALE

Presente

Jü putarrüje = io potrei
Tó putarrìste
= tu potresti
Jìsse putarrüje
= egli potrebbe
Nüje putarrìmme
= noi potremmo
Vüje putarrìste
= voi potreste
Löre putarrinne
= essi ptrebbero

Passato

Jü avrüje putüte = io avrei potuto
Tó avrìste
putüte = tu avresti potuto
Jìsse avrüje
putüte = egli avrebbe potuto
Nüje avrìmme
putüte = noi avremmo potuto
Vüje avrìste
putüte = voi avreste potuto
Löre avrinne
putüte = essi avrebbero potuto

 

MODO PARTICIPIO

Presente
manca

Passato

 

Putüte = potuto

MODO GERUNDIO
Presente

Putènne = potendo

Passato

Avènne putüte = avendo potuto

Filed under: Grammatica